Andrea Greco, candidato presidente regionale per il M5S

Ambiente e territorio, Andrea Greco (M5S): “No alla cementificazione selvaggia”

CAMPOBASSO. Continua la presentazione dei punti programmatici del manifesto politico del Movimento 5 Stelle. Ad illustrare il punto 7 del programma di governo regionale, incentrato sui temi della qualità ambientale e della salvaguardia del territorio, è Andrea Greco, candidato alla carica di governatore:

“Il patrimonio territoriale è il bene comune costitutivo dell’identità collettiva regionale e il suo governo deve necessariamente collocarsi tra le priorità politiche di sviluppo e di pianificazione a livello regionale.
Il Molise deve dotarsi di una legge urbanistica regionale dopo oltre un quarantennio segnato da spregiudicate trasformazioni, speculazioni territoriali, cementificazioni selvagge e privo di qualsiasi visione organica di sviluppo urbano, territoriale e sociale, dove l’urbanistica contrattata ad esclusivo beneficio del ‘prenditore di turno’ ha trovato uno straordinario terreno fertile, forte anche di piani regolatori comunali datati e ormai superati dai quali il cittadino è stato estromesso da qualsiasi processo partecipativo e decisionale.
Il Molise, infatti,è l’unica regione in Italia a non avere ancora una legge urbanistica. Una legge per integrare valorizzazione del patrimonio territoriale e paesaggistico, sviluppo sostenibile e durevole, contrasto al consumo di suolo, tutela del territorio rurale, montano e costiero, lotta al dissesto idrogeologico, perequazione urbanistica, valorizzazione delle identità storico-culturali dei luoghi, protezione delle risorse naturali, mitigazioni degli effetti antropici sull’ambiente e sul clima.
Partiamo dallo stop al consumo di suolo: serve una legge regionale sull’urbanistica per fermare la cementificazione del territorio, che punti a ristrutturare il patrimonio edilizio esistente secondo criteri del risparmio energetico-idrico. Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso una legge, la prima nella storia del Molise, che colmi quel vuoto normativo in materia di pianificazione del territorio e che salvaguardi le aree di pregio naturalistico, minimizzi il consumo di suolo e incentivi riqualificazioni urbane, risparmio energetico, ristrutturazioni e adeguamento sismico.
Vogliamo ripristinare e valorizzare l’edilizia rurale attraverso l’accesso a specifici finanziamenti comunitari e prendere un contributo a fondo perduto ai cittadini comunitari che presentino adeguato progetto architettonico per il miglioramento/ripristino/recupero dell’area in oggetto, e per l’autocostruzione di strutture abitative dotate di alti standard in fatto di eco-compatibilità.
Dobbiamo, inoltre, occuparci di difesa, conservazione e valorizzazione della rete tratturale, antica rete viaria sulla quale nacquero tanti insediamenti abitativi diventati oggi i comuni del Molise. Dobbiamo avviare la redazione e l’adozione di un nuovo Piano Territoriale Paesistico-Ambientale di Area Vasta, che evidenzi potenzialità e criticità dislocate sul territorio regionale, tenendo conto degli andamenti socio-economici-demografici prevedibili e identifichi gli ambiti a diverso grado e condizioni di modificabilità destinabili a differenti tipi d’intervento in relazione alla linea di sviluppo individuata (turistica-energetica-silvo-pastorale-agricola).
Dovremo valorizzare il patrimonio naturale tramite la messa in rete di tutte le aree protette presenti sul territorio regionale, promuovendo l’ecoturismo e il turismo enogastronomico nei piccoli borghi. Tale complesso deve interagire in modo funzionale con la rete dei siti culturali-storico-archeologici, che andrebbero a completare l’offerta turistica. Così come riteniamo importante l’utilizzo sostenibile del patrimonio forestale mediante l’attuazione del Piano forestale regionale, in cui indicare i principi guida nel settore silvo-pastorale.
Il Parco nazionale del Matese è certamente un modo ottimale per valorizzare quel meraviglioso lembo di territorio campano-molisano. La battaglia politica trasversale per la sua istituzione ci vede coinvolti sensibilmente sin da quando, nel gennaio 2014, una delegazione del M5S Molise fece depositare alla Camera un testo di legge articolato per ‘l’istituzione del Parco nazionale del Matese’.
Dopo vari tentativi ad oggi l’articolo specifico per l’Istituzione del Parco del Matese è approvato e contenuto nell’ultima legge di stabilità, ma sembra ancora una vittoria solo sulla carta, e quindi una battaglia strumentale. Non esiste ancora, infatti, una perimetrazione definitiva.
L’Ente nazionale dovrà essere governato da tecnici e da profondi conoscitori del territorio, non dalla politica. Purtroppo la riforma della legge quadro sulle aree protette n.394/91 e sui Parchi non va nello stesso senso ma faremo di tutto, con l’aiuto dei nostri parlamentari, per evitare che diventi un ‘carrozzone’. Vogliamo un vero Parco nazionale.E, soprattutto, vogliamo finalmente poter proteggere e valorizzare il nostro territorio, come non è mai stato fatto prima d’ora“.

 

Commenti

commenti