VIDEO – Misteri di Natale, una piazza gremita di turisti assiste al rito della vestizione. La sfilata invernale incontra i consensi del pubblico

CAMPOBASSO. Si può definire un vero successo questa edizione straordinaria della sfilata dei Misteri. L’ideatore degli “ingegni” Paolo Saverio Di Zinno è stato commemorato degnamente in occasione dei trecento anni della sua nascita. La città ha omaggiato il grande scultore affollando le strade del centro. Circa ventimila sono stati i visitatori, tanti provenienti anche da fuori regione.

I tredici ingegni sono usciti “nudi”, senza figuranti dal museo di via Trento alle 15, poi si sono diretti al Municipio per la vestizione dei personaggi che è avvenuta, per la prima volta nella storia, in pubblico, di fronte gli occhi stupiti e ammirati della folla che ha riempito la piazza fin dalle prime ore del pomeriggio. Dopo la Santa messa celebrata da monsignor Bregantini nella chiesa della Madonna della Libera, ha preso il via il rito della vestizione. Grazie all’esperienza e la maestria dello staff tutti i figuranti, angeli, diavoli e santi, sono stati vestiti e truccati in breve tempo; poi la partenza delle “statue viventi” tra gli applausi fragorosi del pubblico.

La sfilata ha seguito un percorso ridotto a causa delle temperature invernali: viale Elena, via Scatolone, Corso Vittorio Emanuele per fare ritorno al Municipio. I Misteri hanno fatto poi ritorno al Museo percorrendo via de Attellis, via Roma, via Trieste e via Milano e via Trento. Più che positivo il riscontro della gente, un successo oltre le aspettative. Una città in festa, pervasa dallo spirito natalizio ed entusiasta per l’inusuale connubio tra l’accensione delle luminarie per il Santo Natale e l’uscita straordinaria dei Misteri: un’accoppiata senza dubbio vincente, che ha accontentato tutti e che ha portato vita e turismo al nostro capoluogo.

 

 

 

Commenti

commenti