VIDEO – Romagnuolo e Calenda presentano “Prima il Molise”: la nuova proposta politica sovranista e populista delle ex leghiste

CAMPOBASSO. Si affaccia sullo scenario politico locale il nuovo movimento delle ex leghiste Aida Romagnuolo e Filomena Calenda.”Prima il Molise”, questo è il nome della nuova formazione fondata dalle due consigliere regionali espulse dalla Lega per aver chiesto le dimissioni dell’assessore al Lavoro Luigi Mazzuto. Sul logo l’immagine del “Guerriero sannita”, simbolo dell’identità valorosa del popolo molisano, una figura che richiama al coraggio e alla bellicosità. E infatti quello di Calenda e Romagnuolo sarà non solo un partito di proposta ma anche di protesta, che farà sentire la proprio voce in consiglio regionale e che si batterà per riportare al centro gli interessi esclusivi dei molisani. A Palazzo D’Aimmo continueranno a far parte del gruppo consiliare della Lega. Tuttavia, non rappresenteranno più il partito di Salvini ma la nuova formazione di cui Aida Romagnuolo ha assunto la presidenza, mentre la collega Calenda il ruolo di vice. Continueranno a far parte della maggioranza di centrodestra fino alla fine della legislatura ma saranno pronte a votare qualsiasi provvedimento utile agli interessi dei cittadini molisani, anche se proposto dall’opposizione.

Turismo come risorsa economica da valorizzare, lavoro, occupazione, sanità, infrastrutture carenti. Questi sono i temi fondamentali su cui Calenda e Romagnuolo intendono battersi per riportare al centro le istanze dei molisani: un popolo di cui ci si ricorda solo durante le campagne elettorali- ha aggiunto Filomena Calenda- “Del Molise ci si ricorda solo quando arrivano i ministri e i parlamentari per raccontarci frottole. Anche dal governo nazionale, che fino a ieri rappresentavamo, non abbiamo avuto una risoluzione dei nostri problemi. Si pensi al problema degli ex lavoratori Ittierre che ad oggi non hanno ancora ricevuto nessuna risposta.”

Il nuovo soggetto politico prende ufficialmente vita oggi, 20 marzo, e si prospetta come un nuovo movimento sovranista e populista alternativo alla Lega di Mazzuto e ai partiti tradizionali. “Prima il Molise” nasce anche per presentare una propria lista di centrodestra alle prossime consultazioni amministrative di Termoli e Campobasso.

“Siamo state spinte e motivate dai tanti simpatizzanti, sostenitori e coordinatori cittadini che prima militavano nella Lega e invece oggi stanno tutti al nostro fianco- ha dichiarato Aida Romagnuolo nel corso dell’evento di presentazione del nuovo movimento che si è tenuto questa mattina presso l’Hotel Rinascimento- È il caso di dire che Mazzuto è rimasto da solo- ha proseguito- dalla sua parte ha solamente due o tre riciclati. Proprio ieri nella riunione di maggioranza ho chiesto al presidente Toma di revocargli immediatamente la delega di assessore in quanto rappresenta solo se stesso”.

Dopo l’espulsione di Calenda e Romagnuolo, avvenuta per volontà dello stesso Matteo Salvini, in consiglio regionale la Lega non esiste più. L’unico rappresentante del carroccio è l’assessore non eletto, nonché coordinatore regionale, Luigi Mazzuto. “In dieci mesi nulla o poco ha fatto, non ha affrontato una problematica. Il fatto che debba continuare a stare al suo posto, da assessore esterno, senza nemmeno essersi candidato alle elezioni, e percepire il suo lauto stipendio da 12 mila euro, è una grande offesa per il Molise e per i molisani e per i tanti disoccupati. “Prima il Molise”, dunque perché “siamo figli di questa terra e con il cuore e con la mente vogliamo pensare agli interessi esclusivi dei cittadini molisani. Io e la collega Calenda, ispiratrice di questo nuovo percorso politico, non vogliamo emulare altri partiti politici. Siamo completamente diversi ma altrettanto determinate a difendere gli interessi delle nostre comunità. E quelli che hanno tradito la nostra terra e distrutto i nostri sogni li troviamo ancora oggi nei posti di comando. Noi saremo la nuova forza politica regionalista, autonomista e federalista. Noi siamo “Prima il Molise” e questo prima di tutto”.

 

 

 

 

Commenti

commenti