Comunali, Io Amo Campobasso: “ Assessorato all’Europa necessità imprescindibile per la città “

CAMPOBASSO. “Un assessorato all’Europa è un ponte tra la dimensione locale della città e quella della comunità internazionale che “unisce nella diversità”. Consente non solo di accedere a risorse aggiuntive, particolarmente preziose in tempi di tagli alla spesa pubblica, ma anche di confrontarsi con chi, in altri paesi dell’Unione, si trova ad affrontare problemi simili ai nostri”.

È una delle proposte programmatiche per il rilancio del capoluogo avanzate dal movimento civico “Io Amo Campobasso” che alle prossime amministrative concorrerà alla guida di Palazzo S. Giorgio con la candidata sindaca Paola Liberanome.

“Nel momento in cui ci avviamo verso la nuova programmazione per il periodo 2021-2027, il vecchio obiettivo di Lisbona di fare dell’Europa “la più grande economia basata sulla conoscenza” è ancora una priorità – si legge in un comunicato – Nel frattempo, dobbiamo affrontare nuove sfide: a livello locale, la nostra regione, di nuovo retrocessa tra quelle meno sviluppate, lotta per sopravvivere allo spopolamento; a livello globale, le dinamiche socio-economiche sono troppo turbolente per consentire il raggiungimento di una situazione, se non di equilibrio, almeno di stabilità.

Nel periodo 2021-2027 gli investimenti dell’UE saranno orientati a raggiungere 5 obiettivi strategici, e la nostra Campobasso dovrebbe cercare di adottarli tutti: mobilitare le risorse esistenti in maniera intelligente per promuovere un’economia locale innovativa e sostenibile (1), sfruttare la tecnologia per compensare la distanza con i centri maggiori (3), colmare le distanze tra istituzioni e cittadini, tra comunità rurali e urbane, tra cittadini e diritti (4 e 5). Infine, la tensione verso l’economia verde (2): un obiettivo che dovrebbe orientare il percorso verso tutti gli altri, soprattutto per il capoluogo di una regione con una forte tradizione agricola.

Commenti

commenti